agosto 20, 2019

Catania: business dell’accoglienza migranti

Giudizio immediato per Pietro Marino Biondi ed altri.

Prefettura e Codacons parti offese.

Business accoglienza migrantiAssociazione per delinquere finalizzata alla realizzazione di delitti contro la pubblica amministrazione, frode nelle pubbliche forniture, estorsione e maltrattamenti. 

Sono questi i reati di cui dovranno rispondere i componenti di un organizzazione che gestiva diverse cooperative e associazioni attive nell’opera socio-assistenziale di minori extracomunitari non accompagnati, persone diversamente abili ed anziani. Tutto, allo scopo di accumulare, massimizzandoli, i profitti economici che, poi, venivano reinvestiti in altre lucrose attività imprenditoriali. Il GIP presso il Tribunale di Catania ha disposto, infatti, il giudizio immediato per Pietro Marino Biondi, Gemma Iapichello, Chylewska Hatarzyna Eugenia, Favatella Clara, Foti Giuseppina, Giannone Alessandro, Iapichello Gemma, Palumbo Giuseppe Maria, Pasqualino Liliana Giuseppina, Politi Francesca Provvidenza, Ventimiglia Francesca. Udienza fissata per l’8 maggio prossimo, innanzi alla prima sezione penale del Tribunale di Catania. La Prefettura di Catania ed il CODACONS, difeso dall’Avv. Carmelo Sardella Dirigente Ufficio Legale Regionale, sono identificati quali parti offese nel processo.

Le condotte illecite consistevano nell’eludere, metodicamente ed in modo fraudolento, l’osservanza degli obblighi contrattuali stipulati con vari enti della pubblica amministrazione, condotte che si concretizzavano poi nel somministrare ai minori cibo di scarto, avariato, scarso di qualità e quantità, non garantendo loro condizioni igienico sanitarie adeguate e non fornendo la dovuta assistenza tramite personale qualificato.

Le associazioni e cooperative però percepivano egualmente i 35 euro giornalieri per gli adulti e 45 euro per i minori. Ma venivano spesi, in base a quanto scaturisce dalle indagini, soltanto pochi euro al giorno per provvedere ai pasti e all’assistenza normale, utilizzando materiale di scarto come vecchi materassi raccolti dalla spazzatura e infestati dalle pulci, che costringeva gli assistiti a dormire sul pavimento per mesi pur di non essere punti.

E ancora, è stato accertato come Biondi e Favatella avessero tentato di estorcere 400,00 euro da un giovane extracomunitario loro ospite, in cambio di un contratto di lavoro presso le cooperative da loro gestite, contratto che avrebbe consentito al giovane di ottenere il permesso di soggiorno e, quindi, la possibilità di rimanere in Italia evitando, di fatto, la sicura espulsione dal territorio Italiano.

Neo schiavismo, un enorme business sulle sofferenze altrui, sciacallaggio sulla pelle dei più deboli, commenta lapidario il CODACONS, il volto oscuro dell’accoglienza.

Business accoglienza migranti Business accoglienza migranti Business accoglienza migranti 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *